Previsioni occupazionali in Provincia di Salerno nel mese di dicembre 2020

In provincia di Salerno nel mese di dicembre saranno programmate circa 2.840 entrate; nella regione Campania 15.800 e in Italia complessivamente 192.000. Nella provincia salernitana sono in decremento del 32% le imprese che assumono rispetto allo stesso mese del 2019, mentre le entrate previste nel periodo dicembre 2020-febbraio 2021 saranno di circa 10.700 unità.

Nel complesso nel mese di dicembre:

le entrate previste si concentreranno per il 71% nel settore dei servizi e per l’80% nelle imprese con meno di 50 dipendenti;

nel 42% dei casi le entrate previste saranno stabili, ossia con un contratto a tempo indeterminato o di apprendistato, mentre nel 58% saranno a termine (a tempo determinato o altri contratti con durata predefinita);

il 16% sarà destinato a dirigenti, specialisti e tecnici, quota inferiore alla media nazionale (22%);

in 32 casi su 100 le imprese prevedono di avere difficoltà a trovare i profili desiderati;

per una quota pari al 27% interesseranno giovani con meno di 30 anni;

il 12% delle entrate previste sarà destinato a personale laureato;

le tre figure professionali più richieste concentreranno il 34% delle entrate complessive previste.

E’ la sintesi di quanto emerge dall’analisi del sistema informativo Excelsior, realizzata da Unioncamere e ANPAL, che offre un monitoraggio delle previsioni occupazionali delle imprese private dell’industria e dei servizi con un orizzonte temporale anche trimestrale per fornire informazioni tempestive di supporto alle politiche attive del lavoro. La situazione determinatasi nei mesi di marzo-aprile a seguito dell'epidemia Covid-19 ha impedito il consueto svolgimento delle indagini Excelsior, che sono riprese con il riavvio delle attività produttive delle imprese. Le informazioni presentate sono basate sui questionari compilati da circa 120.000 imprese nazionali. Le analisi si focalizzano sulle principali caratteristiche delle entrate programmate nel mese di dicembre 2020, con uno sguardo sulle tendenze occupazionali per il periodo dicembre 2020-febbraio 2021

TOP