Il premio produzione non rientra tra la retribuzione figurativa del lavoratore in aspettativa sindacale

La Cassazione ha escluso che il premio di produzione aziendale possa essere considerato come voce rientrante nella retribuzione figurativa del lavoratore in aspettativa sindacale, ai fini del calcolo dei contributi pensionistici.

Data la particolare quiescenza del rapporto di lavoro del lavoratore in aspettativa sindacale, le cui prestazione e retribuzione sono sospese, soltanto alcuni emolumenti previsti dalla legge e dai contratti collettivi possono essere conteggiati all'interno della retribuzione figurativa utile ai fini previdenziali. È dunque da escludere dal calcolo il premio di produzione aziendale e ogni altro istituto collegato all'anzianità di servizio e all'esecuzione della prestazione.

TOP